Specie cacciabili

Grossa selvaggina:

Orso bruno, Ursus arctos

Il più grande predatore delle foreste estoni. Sono diffusi esemplari di taglia media, peso 90-340 kg. Record (cranio) 67,46 punti CIC (record Baltico, classificato al 10° posto). Nel 2007 sono stati abbattuti 27 capi, nel 2008 ne sono stati abbattuti 37.

L’orso, ad eccezione della femmina con prole, si caccia da appostamento dal 1 agosto al 31 ottobre, esclusivamente nelle zone dove provocano danni al fine di ridurne gli effetti. In questo modo si abbattono esclusivamente gli esemplari nocivi.

Nel 2009 è stato autorizzato l’abbattimento di 60 capi, ma alla fine della stagione ne sono stati abbattuti solo 40-45. Nel 2010 sono stati autorizzati 60 abbattimenti, ma sono stati abbattuti 57 esemplari. Nel 2011 il numero di capi che si è autorizzati ad abbattere è stato aumentato a 65.

Lupo, Canis lupus

Il predatore più temuto nelle foreste estoni. Il più grande capo abbattuto pesava 82 kg. Nel 2007 sono stati abbattuti 39 capi, nel 2008 156 capi. Il lupo è presente quasi ovunque. Nel 2009 sono stati registrati circa 270 lupi. Durante le stagione di caccia dal 1 novembre 2009 al 28 febbraio 2010 è stato autorizzato l’abbattimento di 173 capi, ma ne sono stati abbattuti solo 101.

I lupi sono predatori utili perché limitano il numero di animali deboli o feriti, di ungulati e roditori.

Alce, Alces alces

Da secoli, la selvaggina più ambita in Estonia. Il più grande animale selvatico presente nei nostri boschi. Sono stati abbattuti esemplari di peso addirittura superiore alla mezza tonnellata. 4911 capi abbattuti nel 2007, 4133 capi nel 2008, 4031 capi nel 2009, 4255 capi nel 2010. La popolazione stimata è di circa 10.000 alci. Ogni anno, circa un terzo della popolazione viene abbattuto, ma il numero non diminuisce, anzi aumenta del 30% all’anno. Gli esemplari adulti pesano in media da 300 a 500 chilogrammi, più giovani circa 100 chilogrammi.

Cervo rosso, Cervus elaphus

Un trofeo di corna di cervo rosso sulla parete è il sogno di ogni cacciatore estone. I cervi sono localizzati principalmente sulle isole Hiiumaa e Saaremaa. 220 capi abbattuti nel 2007, 300 capi nel 2008, 403 capi nel 2009, 497 capi nel 2010.

Cinghiale, Sus scrofa

Il cinghiale si è stabilito in alcune regioni Estonia sin dagli anni 20 del secolo scorso. A oggi è diffuso su tutto il territorio nazionale. Il peso dei cinghiali abbattuti varia da 50 a 150 kg. Il più grande cinghiale maschio abbattuto pesava 350 kg, 300 kg la femmina. 13.818 capi abbattuti nel 2007, ma ben 19.757 capi nel 2008, 20.072 capi nel 2009 e 17.028 capi nel 2010!

I cinghiali, che normalmente vivono isolati, si radunano in gruppi durante il periodo degli accoppiamenti, durante il quale si svolgono violenti combattimenti tra i maschi, dove i più deboli soccombono e vengono allontanati dal branco. Il vincitore feconda successivamente tutte le scrofe.

Capriolo, Capreolus capreolus

Il cervide più numeroso in Estonia. La popolazione attuale è ora ben bilanciata. Il peso medio è di 25-30 kg. 19643 capi abbattuti nel 2007, 18006 capi abbattuti nel 2008, 15716 capi abbattuti nel 2009, 5075 capi abbattuti nel 2010.

Il periodo che va da fine di luglio a fine agosto è il periodo degli accoppiamenti dei caprioli. In questo periodo si possono udire i richiami, il potente rauco “abbaio” del maschio e i tenui “fippii” della femmina. Quando due maschi si incontrano, si fronteggiano e valutano i rispettivi palchi, la composizione corporea ed il coraggio. Se risulta evidente la supremazia di uno dei due, il più debole normalmente si ritira. Tuttavia, se entrambi i maschi si sentono sufficientemente forti, cominciano a lottare. Lo scontro prosegue fino a quando uno muore o si ritira. Il maschio dominante conquista il diritto di accoppiarsi con le femmine. Di solito nascono 1-2 cuccioli (raramente 3) per volta, e da subito non hanno vita facile. Sono spesso vittime di linci, orsi, lupi e persino volpi. Molti caprioli vengono uccisi anche da macchinari agricoli e da automobili.

Lince, Felis lynx

L’unico felino selvatico presente in Estonia. Pesa in media da 20 a 25 kg. Secondo i dati di alcuni ricercatori, abbatte da 40 a 80 caprioli all’anno. Il trofeo record (cranio) ha un punteggio CIC 28,99 punti (2° posto nella classifica mondiale), la pelliccia ha un record mondiale di 214,84 punti CIC. 76 capi abbattuti nel 2007, 150 capi nel 2008, 184 capi nel 2009 e 181 capi nel 2010.

Nella stagione di caccia 2009/2010 sono stati rilasciati 210 permessi di abbattimento in tutta l’Estonia, ma sono stati abbattuti solo 180 capi.

La stagione degli amori va da febbraio a marzo. Una sola femmina può accoppiarsi con fino a 5 maschi. La femmina è pronta per l’accoppiamento solo per 3 giorni e la gestazione dura 63-74 giorni.

Prede: castoro, visone, coniglio, procione, tasso, martora, topo muschiato, volpe e puzzola.

 

Volatili cacciabili:

Cormorano, Phalacrocorax carbo

Questi uccelli grandi e scuri sono visibili nelle vicinanze del mare e di fonti d’acqua dolce. Negli ultimi dieci anni si è notevolmente diffuso. Pesa fino a 2,5 chili. Viene cacciato al fine di tenere la popolazione sotto controllo.

Airone cenerino, Ardea cinerea

È il più grande airone ed è diffuso in tutta Europa. Di colore generalmente grigio. Causa danni significativi agli allevamenti ittici. La popolazione è tenuta sotto controllo.

Oca granaiola, Anser fabalis

Nidifica nelle parti umide della taiga e nelle aree che si affacciano sul Mar Glaciale Artico. Piumaggio di colore marrone, zampe giallo-arancio. Pesa fino a 4,2 chili.

Oca lombardella, Anser albifrons

Specie comune d’oca del circolo polare artico. Migra sia in primavera e in autunno. Pesa fino a 3,3 chili.

Oca grigia, Anser anser

Nidifica in Islanda, Scozia, dall’Europa centrale fino all’Oceano Pacifico, Finlandia e Svezia. In Estonia è presente sia come volatile stanziale che migratore. Nidifica nei canneti che proliferano nelle insenature marittime e lacustri, e perfino sulle isole. Pesa fino a 4,5 chili.

Oca Canadese, Branta canadensis

Una specie d’oca originaria della parte settentrionale del continente americano, origina di molti sottotipi e specie di anatra in forte crescita. Testa e collo hanno colore nero con fascia bianca su gola e guance. I siti di nidificazione più vicini a noi sono localizzati in Finlandia e Svezia. Ogni anno si incontra occasionalmente qualche esemplare anche da noi. Pesa fino a 5,4 chili.

Oca faccia bianca, Branta leucopsis

Nidifica in Groenlandia, Isole Svalbard, Novaya Zemlya e sulle coste del Mar Glaciale Artico. Una piccola quantità nidifica anche in Estonia. In autunno si verifica una massiccia migrazione. Ha fronte, guance e gola bianca. Pesa fino a 2,4 chili.

Fischione, Anas penelope

Il fischione eurasiatico è un’anatra di dimensioni ridotte e piuttosto tozza. È un acquatico principalmente migratore ma stazione in estate sul nostro territorio (stormi di maschi si radunano in giugno e luglio nelle nostre baie marittime). Pesa fino a 1 kg.

Canapiglia, Anas strepera

Un tipo di anatra di ridotte dimensioni, dal modo in cui si comporta in acqua assomiglia al germano reale (Anas platyrhynchos). Nidifica principalmente nel Sud-Est europeo. Un ristretto numero di queste oche viene allevato anche dalle nostre parti. Predilige aree ricche di vegetazione acquatica. Pesa fino a 1,3 kg.

Alzavola, Anas crecca

L’alzavola è uno dei più piccoli dei nostri acquatici – delle dimensioni di una taccola. E’ uno dei più diffusi, sia stanziali che migratori. Diffuso lungo i corsi d’acqua interni. Raggiunge i 500 g.

Germano reale, Anas platyrhynchos

Il germano reale è un acquatico con un corpo piuttosto massiccio, più grande di un corvo. Costituisce la maggior percentuale della selvaggina abbattuta. Pesa fino a 1,5 kg.

Codone comune, Anas acuta

Il codone comune ha le dimensioni di un corvo ed è più slanciato del germano reale. Pesa fino a 1,3 kg.

Marzaiola, Anas querquedula

La marzaiola ha le dimensioni di un’alzavola ma ha le penne di colore più chiaro. E’ un nidificatore stanziale, presente in gran numero, ma in misura più ridotta anche migratore. Sverna principalmente in Africa. Pesa fino a 600 g.

Mestolone comune, Anas clypeata

Il mestolone comune è piuttosto piccolo, più piccolo di un corvo. Nidifica nelle baie, più raramente nei laghi. Pesa fino a 1 kg.

Moriglione, Aythya Fermina

Il moriglione è un acquatico diffuso e comune. Sebbene abbia una carne saporita, figura raramente nel carniere. In autunno si abbattono da noi qualche decina di esemplari. Sverna nei Paesi mediterranei.

Moretta, Aythya fuligula

Le anatre tuffatrici più frequenti nelle nostre isole marittime, rive lacustri, ogni genere di corsi e bacini d’acqua interni, compresi stagni e paludi. La loro popolazione è in aumento.

Edredone comune, Somateria mollissima

Anatra marina dall’aspetto goffo, delle dimensioni di una piccola oca. Ha un volo caratteristico, lento e pesante. Durante la stagione di caccia, la maggior parte ha già lasciato le nostre zone. Pesa fino a 2,8 kg.

Moretta codona, Clangula hyemalis

La moretta codona è un’anatra marina più piccola del tarabuso. Nidifica nella tundra ed è la più diffusa delle anatre migratrici. A seconda degli anni, il numero di migratori può raggiungere il milione.

Orchetto marino, Melanitta nigra

Grande anatra marina, delle dimensioni di un corvo. Centinaia di migliaia passano sopra le nostre coste settentrionali. Ben poche, e solo occasionalmente, finiscono nel carniere dei nostri cacciatori. Pesa circa 1,5 kg.

Fagiano, Phasianus colchicus

140 capi abbattuti nel 2007, 56 nel 2008, 127 nel 2009, 112 nel 2010.

Quattrocchi, Bucephala clangula

Il quattrocchi è un’anatra stanziale poco diffusa, nidifica prevalentemente nei laghi e nei fiumi. Utilizza anche nidi artificiali. Compie migrazioni di massa. Sverna nel Mar Baltico e nel Mare del Nord. Pesa fino a 1,3 kg.

Francolino di monte, Bonasa bonasia

Il francolino di monte è una specie tipica della taiga e dei boschi di conifere. E ‘strettamente legato alla presenza di abeti; lo si trova soprattutto in boschi misti umidi, con abbondante vegetazione di sottobosco.

Pernice, Perdix perdix

In Estonia è diffusa una sottospecie della pernice Perdix perdix lucida. La pernice è tipica della steppa e steppa boscosa e si nutre solo sul terreno. E’ distribuita nelle zone settentrionali e si sposta sui campi dopo l’aratura. Assomiglia ad una normale pernice domestica, ma è molto più piccola.

Folaga, Fulica atra

La folaga, anticamente chiamata in estone “vesikana (anatra acquatica)”, è un ben noto uccello acquatico dalla colorazione nera. Lo troviamo spesso da noi come nidificatore. Raggiunge i 1,2 chili.

Beccaccino, Gallinago gallinago

Più grande di uno storno. Identificabile dagli aspri richiami che emette alzandosi in volo e il volo a zig-zag. Nidifica in Estonia e migra. Popola paludi, prati umidi, pascoli e i limiti delle brughiere.

Beccaccia, Scolopax rusticola

Più o meno delle dimensioni di una taccola. E’ sia nidificatore che migratore. Durante gli inverni miti alcune beccacce restano, mantenendosi in prossimità di zone ricche di sorgenti. Il loro habitat preferito sono i boschi misti umidi, i boschi a foglie caduche e le radure boschive. Raggiunge i 420 g di peso.1192 capi abbattuti nel 2007, 979 capi nel 2008, 976 capi nel 2009, 1475 capi nel 2010.